Periodo: Dal 16 agosto
Luogo: Trentino
Numero minino partecipanti: 7
Numero massimo partecipanti: 9

La valle sospesa

Non ci resta che salire, mi verrebbe da dire. Si perché l’Alto Garda è circondato da valli pensili, terrazzamenti e montagne sino oltre i 2000 metri, raggiungibili per strade e sentieri.
La Valle di Ledro, sospesa ad una quota compresa fra i 600 ed i 700 metri, rappresenta un buon esempio di equilibrio fra natura alpina ed opere dell’uomo.
L’azzurro lago omonimo è il fulcro della valle che si sviluppa lungo l’asse est – ovest mentre verso nord si irradia la Val di Concei. Ad ovest si trova il lago d’Ampola, un biotopo che ancora si presenta allo stato naturale, circondato da fasce di vegetazione che offrono adeguati habitat a diverse specie vegetali ed animali. Presso Tiarno di Sotto la forra del Gorg d’Abiss svela una bellissima cascata ed un ambiente tropicale.
Qui la storia si fa millenaria, infatti il museo delle palafitte accompagna il visitatore nella vita quotidiana dell’età del Bronzo tra ricostruzioni e resti originali di un villaggio palafitticolo (2.200-1350 a.C.). Da poco è entrato nei siti Unesco. In tempi più recenti il paese di Bezzecca è diventato famoso nella nostra storia risorgimentale in quanto luogo ove Garibaldi vinse una battaglia contro gli austriaci per poi doversi ritirare esclamando il celebre “obbedisco”.
Per accedere alla valle utilizzeremo la strada del Ponale, realizzata nella seconda metà dell’800. I suoi panorami a picco sul Garda e la sua natura a volte aspra sono diventati iconici.
Un percorso questo dalle forti emozioni.
Possibilità di pranzo al sacco oppure presso un locale tipico (da concordarsi).

contatta la Guida per approfondire.

Attività su Misura
Carrello